Non categorizzato

Shanghai vuole diventare la nuova capitale delle start-ups.

By 17 ottobre 2017 No Comments

La metropoli cinese cerca di attrarre giovani talenti stranieri appena laureati per diventare un riferimento mondiale per quanto riguarda la tecnologia e l’innovazione.

Diventa43 un polo tecnologico mondiale prima del 2030, è l’obiettivo che si è dato la città di Shanghai.

Nel 2015, il comune ha annunciato l’attuazione di presunte politiche per attirare gli stranieri desiderosi di creare la loro start-up nella città.

Il sito Ecns.cn spiega che numerosi espatriati si sarebbero stabiliti nella metropoli cinese poiché:

“Non ci sono cifre ufficiali che indicano il numero di aziende create da stranieri a Shanghai, ma contiamo 564 a Yangpu, distretto dedicato all’imprenditoria e all’innovazione.

Le ultime cifre dell’ufficio nazionale delle statistiche mostrano che 215 000 espatriati provenienti da 167 paesi lavorano oggi a Shanghai, ciò che la rende la città cinese che accoglie la maggior parte degli stranieri “.

Secondo Yang Jianrong, il direttore del consiglio per la promozione del commercio internazionale a Shanghai, la città ha tutto per attrarre nuovi talenti.

“Il processo continuerà, soprattutto sapendo che Shanghai continua ad annunciare misure per accogliere più facilmente gli espatriati e per facilitare le condizioni per ottenere lo stato di residente permanente. Vogliamo persuadere tutti i talenti del mondo a unirsi a noi “.

Nuovi laureati stranieri che vogliono lavorare a Shanghai possono aspirare a un visto per due anni. Basta presentare una copia del proprio diploma e spiegare il proprio progetto di start-up.

Leave a Reply

Get a free quote